Effetti dell'Acido Tranexamico su morte, disabilità, eventi occlusivi vascolari e altre morbilità nei pazienti con trauma cranico acuto: studio CRASH-3


L'Acido Tranexamico ( Tranex ) riduce il sanguinamento chirurgico e diminuisce la mortalità nei pazienti con sanguinamento extracranico traumatico.
Il sanguinamento intracranico è comune dopo una lesione cerebrale traumatica ( TBI ) e può causare ernia cerebrale e morte.
Sono stati valutati gli effetti dell'Acido Tranexamico nei pazienti con lesione cerebrale traumatica.

Uno studio randomizzato, controllato con placebo, è stato condotto in 175 ospedali in 29 Paesi.
Erano ammissibili gli adulti con trauma cerebrale entro 3 ore dalla lesione, un punteggio GCS ( Glasgow Coma Scale ) di 12 o inferiore o qualsiasi sanguinamento intracranico alla tomografia computerizzata ( TC ) e nessun sanguinamento extracranico maggiore.
Il periodo di ammissibilità era originariamente di 8 ore, ma nel 2016 il protocollo è stato modificato per limitare il reclutamento ai pazienti entro 3 ore dall'infortunio, in risposta a prove esterne che suggeriscono che è improbabile che un trattamento ritardato sia efficace.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Acido Tranexamico ( dose di carico 1 g in 10 minuti, quindi infusione di 1 g in 8 ore ) oppure un placebo corrispondente.

L'esito primario era la morte per lesioni alla testa in ospedale entro 28 giorni dalla lesione in pazienti trattati entro 3 ore dalla lesione.
È stata prespecificata una analisi di sensibilità che ha escluso i pazienti con un punteggio GCS di 3 e quelli con pupille bilaterali non-reattive al basale.

Tra il 2012 e il 2019, sono stati assegnati in modo casuale 12.737 pazienti con trauma cranico a ricevere Acido Tranexamico ( 6.406, 50.3% ) oppure placebo ( 6.331, 49.7% ), di cui 9202 ( 72.2% ) sono stati trattati entro 3 ore dalla lesione.

Tra i pazienti trattati entro 3 ore dalla lesione, il rischio di decesso correlato alla lesione alla testa è stato del 18.5% nel gruppo con Acido Tranexamico rispetto al 19.8% nel gruppo con placebo ( 855 vs 892 eventi; risk ratio, RR 0.94 ).

Nell'analisi di sensibilità prespecificata che ha escluso i pazienti con un punteggio GCS di 3 o pupille bilaterali non-reattive al basale, il rischio di morte per infortunio alla testa è stato del 12.5% nel gruppo con Acido Tranexamico rispetto al 14.0% nel gruppo con placebo ( 485 vs 525 eventi; RR 0.89 ).

Il rischio di decessi correlati alla lesione alla testa si è ridotto con Acido Tranexamico nei pazienti con trauma cranico da lieve a moderato ( RR=0.78 ) ma non nei pazienti con trauma cranico grave ( RR=0.99; valore P per eterogeneità 0.030 ).

Il trattamento precoce è risultato più efficace rispetto al trattamento successivo nei pazienti con trauma cranico lieve e moderato ( P=0.005 ) ma il tempo al trattamento non ha avuto effetti evidenti in pazienti con trauma cranico grave ( P=0.73 ).

Il rischio di eventi occlusivi vascolari è stato simile nei gruppi con Acido Tranexamico e placebo ( RR=0.98 ).
Il rischio di convulsioni è stato simile tra i gruppi ( RR=1.09 ).

I risultati hanno mostrato che l'Acido Tranexamico è sicuro nei pazienti con trauma cerebrale e che il trattamento entro 3 ore dalla lesione riduce la morte correlata alla lesione alla testa.
I pazienti devono essere trattati il ​​prima possibile dopo l'infortunio. ( Xagena2019 )

The CRASH-3 trial collaborators, Lancet 2019; 394: 1713-1723

Neuro2019 Farma2019

Altri articoli