Effetto di Aleglitazar sugli esiti cardiovascolari dopo sindrome coronarica acuta in pazienti con diabete mellito di tipo 2


Nessuna terapia diretta contro il diabete mellito ha dimostrato di ridurre in modo inequivocabile l'eccesso di rischio di complicanze cardiovascolari.
Aleglitazar è un doppio agonista dei recettori attivati dal proliferatore dei perossisomi con azioni insulino-sensibilizzanti ed ipoglicemizzanti ed effetti favorevoli sul profilo lipidico.

Uno studio ha verificato se l'aggiunta di Aleglitazar alla terapia medica standard possa ridurre la morbilità e la mortalità cardiovascolare tra i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e una recente sindrome coronarica acuta.

Lo studio AleCardio era uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 720 ospedali in 26 Stati in Nord America, America Latina, Europa e area Asia-Pacifico.
L'arruolamento di 7.226 pazienti ricoverati per sindrome coronarica acuta ( infarto miocardico o angina instabile ) e affetti anche da diabete mellito di tipo 2 è avvenuto nel periodo 2010-2012.
Il trattamento è stato continuato fino a un follow-up di almeno 2.5 anni per tutti i pazienti e a 950 eventi dell’endpoint primario.

I pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Aleglitazar 150 microg o placebo ogni giorno.

L'endpoint primario di efficacia era il tempo alla morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale.
Gli endpoint di sicurezza principali erano il ricovero a causa della insufficienza cardiaca e cambiamenti nella funzione renale.

Lo studio è terminato il 2 luglio 2013, dopo un follow-up medio di 104 settimane; in totale il 3.1% dei pazienti sono stati persi al follow-up e il 3.2% dei pazienti ha ritirato il consenso.

L'end point primario si è verificato in 344 pazienti ( 9.5% ) nel gruppo Aleglitazar e 360 pazienti ( 10.0% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.96, P=0.57 ).

I tassi di eventi avversi gravi, compresi insufficienza cardiaca ( 3.4% per Aleglitazar vs 2.8% per il placebo, P=0.14 ), emorragie gastrointestinali ( 2.4% per Aleglitazar vs 1.7% per il placebo, P=0.03 ) e disfunzione renale ( 7.4% per Aleglitazar vs 2.7% per il placebo, P minore di 0.001 ) sono risultati aumentati.

In conclusione, tra i pazienti con diabete mellito di tipo 2 e recente sindrome coronarica acuta, l’uso di Aleglitazar non ha ridotto il rischio di eventi cardiovascolari.
Questi risultati non supportano l'uso di Aleglitazar in questo contesto con l'obiettivo di ridurre il rischio cardiovascolare. ( Xagena2014 )

Lincoff AM et al, JAMA 2014; 311: 1515-1525

Cardio2014 Endo2014 Farma2014

Altri articoli