Amitriptilina per la depressione


Per diversi anni l’Amitriptilina ( Laroxyl ) è stata considerata una delle molecole di riferimento per il trattamento farmacologico della depressione.
Tuttavia, nuovi farmaci triciclici, composti eterociclici e inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina ( SSRI ) sono stati introdotti sul mercato come dotati di un migliore profilo di tollerabilità ed efficacia.

È stata portata a termine una revisione sistematica della letteratura per valutare la tollerabilità e l’efficacia di Amitriptilina rispetto agli altri antidepressivi triciclici/eterociclici e rispetto ai farmaci SSRI.

In totale sono stati inclusi nella revisione 194 studi.

Le stime di odds ratio ( OR ) generale per le persone che avevano risposto al trattamento hanno mostrato che un numero maggiore di pazienti risponde ad Amitriptilina rispetto al gruppo di antidepressivi di controllo [ OR=1.12; number needed to treat ( NNT ) per ottenere beneficio, NNTB=50 ].

Anche le stime di efficacia di Amitriptilina e farmaci di controllo hanno mostrato una dimensione dell’effetto a favore di Amitriptilina ( differenza media standardizzata 0.13 ).

Benché queste differenze siano statisticamente significative, il loro significato clinico è meno chiaro.

Quando l’analisi di efficacia è stata stratificata per classe di farmaco, non sono emerse differenze tra Amitriptilina e triciclici o inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina.

Il tasso di abbandono dei pazienti trattati con Amitriptilina e farmaci di controllo è risultato simile; tuttavia, la stima della proporzione di pazienti con effetti collaterali è risultata significativamente a favore dei farmaci di controllo rispetto all’Amitriptilina ( OR=0.66 ).

Quando l’analisi di tollerabilità è stata stratificata per classe di farmaco, il tasso di abbandono nei pazienti trattati con Amitriptilina e inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina è risultato significativamente favorevole a questi ultimi [ OR=0.84; NNT per avere un evento avverso, NNTH:=40 ].

Quando l’analisi sulle persone che rispondevano al trattamento è stata stratificata per luogo di svolgimento dello studio, l’Amitriptilina è risultata più efficace degli antidepressivi di controllo nei pazienti ricoverati ( OR=1.22; NNTB=24 ), ma non in quelli ambulatoriali ( OR 1.01; NNTB=200 ).

In conclusione, questa revisione sistematica ha mostrato che l’Amitriptilina è efficace almeno quanto gli altri triciclici o i composti più nuovi.
Tuttavia, il peso degli effetti collaterali nei pazienti trattati con Amitriptilina è maggiore.
Rispetto agli inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina Amitriptilina è risultata meno tollerata e anche se questo aspetto è stato controbilanciato da un’alta proporzione di risposte, la differenza non è risultata statisticamente significativa. ( Xagena2007 )

Guaiana G et al, Cochrane Database Syst Rev 2007; (3): CD004186


Psyche2007 Farma2007

Altri articoli