Associazione del grado di Gleason con la durata della terapia di deprivazione degli androgeni ed esiti di sopravvivenza nel carcinoma alla prostata ad alto rischio


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) migliora gli esiti di sopravvivenza nei pazienti con tumore alla prostata ad alto rischio ( PCa ) trattati con radioterapia ( RT ).
Non è chiaro se questo beneficio differisca tra i pazienti nel gruppo di grado di Gleason 4 ( GG 4 ) ( precedentemente punteggio di Gleason 8 ) e GG 5 ( precedentemente punteggio di Gleason 9-10 ).

Si è determinato se l'efficacia della durata della terapia ADT vari tra i pazienti con carcinoma alla prostata ad alto rischio GG 4 versus GG 5.

Sono state effettuate meta-analisi di dati di 992 pazienti ( 593 GG 4 e 399 GG 5 ) che sono stati arruolati in 6 studi clinici randomizzati.

Sono state ottenute stime del rapporto di rischio ( hazard ratio, HR ) degli effetti della durata della terapia ADT sulla sopravvivenza globale ( OS ) e sulla sopravvivenza libera da metastasi a distanza ( DMFS ).
Per stimare gli hazard ratio per la sopravvivenza specifica per il cancro ( CSS ) sono stati utilizzati modelli di rischio concorrente specifici per causa.
Sono stati confrontati i risultati di pazienti trattati con solo radioterapia, terapia ADT a breve termine ( STADT ), terapia ADT a lungo termine ( LTADT ) e terapia ADT permanente.

Sono stati identificati 593 pazienti maschi ( età media, 70 anni ) con GG 4 e 399 con GG 5.

Il follow-up mediano è stato di 6.4 anni.

Tra i pazienti GG 4, la terapia LTADT e la terapia STADT hanno migliorato la sopravvivenza globale rispetto alla sola radioterapia ( HR=0.43 e HR=0.59, rispettivamente; P=0.03 ), mentre la terapia ADT per tutta la vita non lo ha fatto ( HR=0.84, P=0.44 ).

Tra i pazienti GG 5, la terapia ADT per tutta la vita ha migliorato la sopravvivenza globale ( HR=0.48, P=0.04 ), mentre né la terapia LTADT né la terapia STADT lo hanno fatto ( HR=0.80 e HR=1.13; P=0.45 e P=0.64, rispettivamente ).
Tra tutti i pazienti, e tra quelli trattati con terapia STADT, i pazienti GG 5 hanno presentato una sopravvivenza globale inferiore rispetto ai pazienti GG 4 ( HR=1.25 e HR=1.40, rispettivamente; P=0.02 ).

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza globale tra pazienti GG 5 e GG 4 trattati con terapia LTADT o terapia ADT permanente ( HR=1.21 e HR=0.85; P=0.23 e P=0.52, rispettivamente ).

Questi dati hanno indicato che una prolungata durata della terapia di deprivazione androgenica migliora gli esiti di sopravvivenza sia nella malattia GG 4 che nella malattia GG 5, anche se con durate ottimali differenti.
Dovrebbero essere studiate strategie per mantenere l'efficacia della terapia ADT minimizzandone la durata, possibilmente con agenti potenziatori. ( Xagena2019 )

Kishan AU et al, JAMA Oncol 2019; 5: 91-96

Uro2019 Onco2019 Farma2019

Altri articoli