Effetto dell'aggiunta di Docetaxel alla terapia di deprivazione androgenica nei pazienti con tumore alla prostata ad alto rischio con aumento dei livelli di PSA dopo terapia locale primaria


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) più Docetaxel è lo standard di cura nel tumore della prostata metastatico naive agli ormoni, ma presenta benefici incerti in un contesto di tumore della prostata non-metastatico e ad alto rischio.

È stato valutato il beneficio della terapia ADT più Docetaxel nei pazienti che presentano livelli crescenti di antigene prostatico specifico ( PSA ) dopo terapia locale primaria e fattori ad alto rischio, ma nessuna evidenza di malattia metastatica.

Uno studio di superiorità randomizzato in aperto, di fase 3, ha confrontato la terapia ADT più Docetaxel e la terapia ADT da sola in pazienti arruolati da 28 Centri in Francia tra il 2003 e il 2007.
I pazienti erano stati sottoposti a terapia locale primaria per il carcinoma alla prostata, avevano in corso un aumento dei livelli di PSA ed erano considerati ad alto rischio di malattia metastatica.
La stratificazione è avvenuta mediante precedente terapia locale e tempo di raddoppio del livello di PSA ( inferiore o uguale a 6 versus maggiore di 6 mesi ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere terapia ADT ( 1 anno ) più Docetaxel, 70 mg/m2 ( ogni 3 settimane, 6 cicli ) o solo terapia ADT ( 1 anno ).

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione del PSA ( PSA-PFS ). Gli endpoint secondari erano la risposta al PSA, la sopravvivenza PFS radiologica, la sopravvivenza globale ( OS ), la sicurezza e la qualità di vita.

Complessivamente, sono stati randomizzati 254 pazienti; età media, 64 anni nel braccio terapia ADT più Docetaxel, 66 anni nel braccio solo terapia ADT.

A un follow-up mediano di 30.0 mesi, la PSA-PFS mediana è stata pari a 20.3 mesi nel braccio terapia ADT più Docetaxel versus 19.3 mesi nel braccio terapia ADT da sola ( hazard ratio, HR=0.85; P=0.31 ).

A un follow-up mediano di 10.5 anni, non vi era alcuna differenza significativa tra i bracci riguardo la sopravvivenza PFS radiologica ( HR=1.03; P=0.88 ).

I dati di sopravvivenza globale non erano maturi.

Gli effetti tossici ematologici più comuni di grado 3 o 4 nel braccio terapia ADT più Docetaxel sono stati neutropenia ( 60 su 125 pazienti, 48.0% ), neutropenia febbrile ( 10, 8.0% ) e trombocitopenia ( 4, 3.0% ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa tra i bracci nella qualità generale di vita.

Rispetto alla sola terapia ADT, la terapia di combinazione di ADT più Docetaxel con intento curativo non ha migliorato significativamente la sopravvivenza PSA-PFS nei pazienti con tumore prostatico ad alto rischio, con aumentati livelli di PSA, e nessuna evidenza di malattia metastatica. ( Xagena2019 )

Oudard S et al, JAMA Oncol 2019; 5: 623-632

Onco2019 Uro2019 Farma2019

Altri articoli