Rubraca come trattamento monoterapico per i pazienti con tumore alla prostata resistente alla castrazione con mutazione BRCA1/2, metastatico, trattato con terapia diretta ai recettori degli androgeni e chemioterapia a base di taxani


La FDA ( US Food and Drug Administration ) ha approvato Rubraca ( Rucaparib ) per il trattamento per os di pazienti adulti con tumore alla prostata resistente alla castrazione metastatico associato a mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) ( mCRPC ), che erano stati tratatti con terapia diretta ai recettori degli androgeni e chemioterapia a base di taxani.

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti ha approvato questa indicazione con l'approvazione accelerata basata sui dati relativi al tasso di risposta obiettiva ( ORR ) e alla durata della risposta ( DOR ) dallo studio clinico multicentrico a braccio singolo TRITON2.
L'approvazione definitiva per questa indicazione dipenderà dalla verifica del beneficio clinico negli studi di conferma.

L'approvazione della FDA per questa terza indicazione per Rubraca si è basata sui dati di efficacia dei pazienti con tumore mCRPC e una mutazione deleteria di BRCA ( germinale e/o somatica ) arruolati nello studio clinico multicentrico a braccio singolo TRITON2.
I principali risultati di efficacia erano il tasso di risposta globale e la durata della risposta secondo i criteri RECIST versione 1.1 / PCWG3 modificati valutati mediante revisione radiologica indipendente in cieco ( IRR ).
Il tasso di risposta dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) era un endpoint prespecificato aggiuntivo.

Le popolazioni di pazienti valutabili nel set di dati supplementari per la New Drug Application ( NDA ) includevano quanto segue: 62 pazienti valutabili mediante RECIST con mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile ( IRR ); 115 pazienti con mutazione BRCA ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile o non-misurabile; e 209 pazienti con tumore mCRPC positivo per HRD ( deficit della ricombinazione omologa ) arruolati in TRITON2.

I principali risultati di efficacia sono stati il tasso di risposta oggettivo e la durata della risposta. Anche il tasso di risposta di PSA era un endpoint prespecificato.
I dati sono stati valutati mediante revisione radiologica indipendente.

Per i pazienti con malattia misurabile e mutazione BRCA, il tasso ORR è stato del 44%. L'ORR era simile per i pazienti con una mutazione BRCA germinale.

La durata mediana della risposta non era valutabile al cut-off dei dati, ma variava da 1.7 a 24+ mesi. Dei 27 pazienti con una risposta obiettiva, 15 ( 56% ) pazienti hanno mostrato una risposta che è durata 6 mesi o più.

Inoltre, è stata osservata una percentuale di risposta dell'antigene prostatico specifico ( PSA ) al 55% ( IC 95%: 45, 64 ) in una analisi di 115 pazienti con una mutazione BRCA deleteria ( germinale e/o somatica ) e malattia misurabile o non-misurabile.

La valutazione di sicurezza di Rucaparib 600 mg due volte al giorno come trattamento in monoterapia si è basata su una analisi di 209 pazienti con tumore CRPC metastatico positivo per HRD dello studio clinico multicentrico a braccio singolo TRITON2, di cui 115 con tumore mCRPC con mutazione di BRCA.
Le reazioni avverse più comuni ( maggiore o uguale al 20% dei pazienti; grado CTCAE 1-4 ) che si sono verificate nella popolazione con mutazione di BRCA ( n = 115 ) sono state astenia / affaticamento, nausea, anemia, aumento di ALT / AST, diminuzione dell'appetito, costipazione, eruzione cutanea, trombocitopenia, vomito e diarrea.
Le anomalie di laboratorio più comuni ( maggiore o uguale al 35% dei pazienti; grado CTCAE 1-4 ) sono state aumento dell'ALT, diminuzione dei leucociti, diminuzione del fosfato, diminuzione della conta assoluta dei neutrofili, diminuzione dell'emoglobina, aumento della fosfatasi alcalina, aumento della creatinina, aumento dei trigliceridi, diminuzione dei linfociti, diminuzione delle piastrine e diminuzione della sodiemia.

L'American Cancer Society ( ACS ) stima che nel 2020 a circa 192.000 uomini negli Stati Uniti verrà diagnosticato un cancro alla prostata, e il GLOBOCAN Cancer Fact Sheets ha stimato che circa 450.000 uomini in Europa hanno avuto diagnosi di cancro alla prostata nel 2018.
Il carcinoma prostatico resistente alla castrazione ha un'alta probabilità di sviluppare metastasi.
Il carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione, o un tumore CRPC metastatico, è una malattia incurabile, solitamente associata a prognosi sfavorevole.
Circa 43.000 uomini negli Stati Uniti dovrebbero avere diagnosi di tumore CRPC metastatico nel 2020.
Secondo l'American Cancer Society, il tasso di sopravvivenza a 5 anni per tumore CRPC metastatico è di circa il 30%.
Circa il 12% dei pazienti con cancro CRPC metastatico presenta una mutazione deleteria nella linea germinale e/o somatica nei geni BRCA1 e BRCA2. Questi marcatori molecolari possono essere utilizzati per selezionare i pazienti per il trattamento con un inibitore di PARP. ( Xagena2020 )

Fonte: Clovis Oncology, 2020

Onco2020 Uro2020 Farma2020

Altri articoli