Trattamento dell'anemia con Darbepoetina prima dell'inizio della dialisi ed esiti clinici: studio TREAT


Le evidenze da studi clinici per guidare la preparazione del paziente per la terapia dialitica di mantenimento sono limitate.
Sebbene l'anemia sia associata a mortalità e malattie cardiovascolari in soggetti che iniziano la terapia dialitica di mantenimento, non è noto se il trattamento dell'anemia prima dell'inizio della terapia di dialisi con agenti stimolanti l'eritropoiesi alteri gli esiti.

È stata effettuata una analisi post hoc dello studio controllato randomizzato TREAT ( Trial to Reduce Cardiovascular Events With Aranesp Therapy ) di partecipanti con diabete mellito di tipo 2 e malattie renali croniche che sono passati alla dialisi ( n=590 ) assegnati casualmente al trattamento ( Darbepoetina [ Aranesp ] versus placebo ).

Gli esiti erano mortalità per tutte le cause, mortalità per cause cardiovascolari, infarto miocardico non-fatale, insufficienza cardiaca e ictus entro i primi 180 giorni dall'inizio della dialisi.

Complessivamente, 590 partecipanti su 4.038 ( 14.6% ) hanno iniziato la dialisi durante lo studio ( 298 e 292 rispettivamente nei gruppi Darbepoetina e placebo ).
I livelli di emoglobina corrispondenti erano 11.3 e 9.5 g/dl ( P minore di 0.001 ).

La morte per qualsiasi causa si è verificata in 31 partecipanti ( 10.4% ) assegnati a Darbepoetina e 28 ( 9.6% ) assegnati a placebo ( hazard ratio, HR=1.16 ), mentre la morte per cause cardiovascolari si è verificata in 15 ( 5.0% ) e 13 partecipanti ( 4.5% ), rispettivamente ( HR=1.21 ).

Non ci sono state differenze nel rischio di infarto del miocardio non-fatale o insufficienza cardiaca.

L'ictus si è verificato in 8 partecipanti ( 2.8% ) assegnati a Darbepoetina e 1 ( 0.3% ) assegnato a placebo ( HR=8.6 ).

Nonostante l’inizio della terapia dialitica con un livello di emoglobina più alto, un precedente trattamento con Darbepoetina non è risultato associato a una riduzione di mortalità, infarto miocardico o insufficienza cardiaca nei primi 180 giorni, ma è stata osservata una frequenza più elevata di ictus.
In assenza di dati più definitivi, ciò può informare le decisioni relative all'uso di agenti stimolanti l'eritropoiesi per il trattamento dell'anemia da lieve a moderata in pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattie renali croniche in prossimità dell'inizio della terapia dialitica. ( Xagena2019 )

Hruskova Z et al, Am J Kidney Dis 2019; 73: 184-193

Nefro2019 Emo2019 Farma2019

Altri articoli