Unione europea: Epoetina alfa originator autorizzata nel trattamento dell'anemia sintomatica nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a rischio basso o intermedio-1


L'Agenzia sanitaria francese ANSM ( Agence Nationale de Sécurité du Médicament et des Produits de Santé ) ha approvato l'uso della Epoetina alfa originator ( Eprex ) come trattamento per l'anemia sintomatica ( concentrazione di emoglobina pari a o inferiore a 10 g/dL ) nei pazienti adulti con sindromi mielodisplastiche primarie a rischio basso o intermedio-1 con ridotta eritropoietina nel siero ( inferiore a 200 mU/mL ).

L'ANSM ha agito in qualità di Stato membro di riferimento nell'ambito della procedura di reciproco riconoscimento ( MRP ), ora conclusa, che ha portato a un'estensione dell'autorizzazione all'immissione in commercio per l’Epoteina alfa originator.
A conclusione della procedura di estensione nell'ambito della MRP, le altre Autorità sanitarie europee sono chiamate a implementare entro 30 giorni la nuova indicazione nei rispettivi Riassunti delle caratteristiche del prodotto ( RCP ) e foglietti illustrativi nazionali.

Questa approvazione è basata sui risultati dello studio clinico internazionale di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e multicentrico EPOANE 3021, e di tre studi clinici registrativi effettuati in tutta Europa.
EPOANE 3021 ha dimostrato l'efficacia e la sicurezza dell’Epoetina alfa originator come trattamento contro l'anemia nei pazienti adulti con sindromi mielodisplastiche a rischio basso o intermedio-1, in base alla classificazione effettuata con un sistema internazionale di classificazione prognostica ( IPSS ).
La Società produttrice dell’Epoetina alfa originator, Janssen, deterrà l'esclusiva sui dati per un anno.

EPOANE 3021 è uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, controllato da placebo per la valutazione dell'efficacia e della sicurezza di Eprex ( Epoetina alfa originator ) come trattamento dei pazienti anemici con sindromi mielodisplastiche a rischio basso o intermedio-1 in base a un sistema di classificazione IPSS.
I risultati hanno dimostrato che il 31.8% dei pazienti trattati con Epoetina alfa originator ha raggiunto l'endpoint primario di risposta eritroide, contro il 4.4% dei pazienti trattati con placebo ( p inferiore a 0.001 ).
Un'analisi ad hoc per la valutazione dell'aggiustamento della dose in base al protocollo ha confermato una risposta eritroide statisticamente significativa per l'Epoetina alfa originator, con il 45.9% dei pazienti trattati con Epoetina alfa rispetto al 4.4% dei pazienti trattato con placebo che hanno ottenuto una risposta eritroide ( p inferiore a 0.001 ).
La durata media della risposta eritroide nei pazienti trattati con Epoetina alfa originator è stata di 197 giorni.
Il numero di pazienti che necessitavano di trasfusioni nel braccio trattato con Epoetina alfa originator è sceso costantemente dal 51.8% nelle 8 settimane prima del basale al 24.7% entro la settimana 24.
La necessità di ricorrere a trasfusioni è rimasta invariata nei pazienti trattati con placebo ( 48.9-54.1% ) nello stesso intervallo di tempo. L'intervallo di tempo antecedente la prima trasfusione è risultato più lungo nel gruppo trattato con Epoetina alfa originator ( p=0.046 ).
L'Epoetina alfa originator ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo della qualità di vita nei pazienti responsivi.

Lo studio non ha prodotto nuovi segnali di sicurezza per Epoetina alfa originator e i risultati sono in linea con il profilo di sicurezza della Epoetina alfa già noto.
La proporzione dei pazienti con almeno un evento avverso emergente da trattamento ( TEAE ) era numericamente superiore nel gruppo trattato con placebo rispetto a quello trattato con Epoetina alfa ( 88.9% versus 77.6% ).
La sospensione del farmaco a causa di eventi avversi si è verificata nel 10.6% dei casi nel gruppo trattato con Epoetina alfa originator rispetto al 13.3% del gruppo trattato con placebo.
Quattro pazienti nel braccio trattato con Epoetina alfa originator ( 4.7% ) e nessuno nel braccio trattato con placebo hanno riportato un evento trombovascolare ( TVE ).
Si sono verificati quattro esiti fatali nel braccio trattato con Epoetina alfa originator rispetto a uno nel braccio trattato con placebo; nessun caso è stato correlato al farmaco oggetto dello studio clinico.

Nel corso dello studio clinico la progressione verso la leucemia mieloide acuta è risultata simile nei due gruppi ( 3.5% nel gruppo Epoetina alfa originator; 4.4% nel gruppo placebo ).

L’Epoetina alfa è un agente stimolante la eritropoiesi che agisce stimolando la produzione di globuli rossi.
I farmaci stimolanti l’eritropoiesi rappresentano una importante opzione di trattamento per i pazienti affetti da determinati tipi di anemia, come l'anemia da chemioterapia e l’anemia da malattia renale cronica.
In assenza dei farmaci stimolanti l’eritropoiesi, i pazienti affetti da determinati tipi di anemia potrebbero presentare la necessità di trasfusioni periodiche per conservare i globuli rossi a concentrazioni necessarie per mantenere i normali livelli di ossigeno in tutto l’organismo.

Eprex è attualmente indicato per il trattamento di:

a) anemia sintomatica da malattia renale cronica ( MRC): pazienti adulti e pediatrici di età compresa fra 1 e 18 anni sottoposti a emodialisi e pazienti adulti sottoposti a dialisi peritoneale; pazienti adulti con insufficienza renale non ancora sottoposti a dialisi per il trattamento di anemia grave di origine renale accompagnata da sintomi clinici.

b) pazienti adulti sottoposti a chemioterapia per tumori solidi, linfoma maligno o mieloma multiplo e a rischio di trasfusione valutata in base alle condizioni generali del paziente ( ad esempio lo stato cardiovascolare, anemia preesistente all'inizio del trattamento chemioterapico ) per il trattamento dell'anemia e la riduzione del fabbisogno trasfusionale.

c) Pazienti adulti facenti parte di un Programma di pre-donazione per aumentare la quantità di sangue autologo. Il trattamento deve essere somministrato solo ai pazienti con anemia di grado moderato ( range di concentrazione emoglobinica da 10 a 13 g/dl [ 6.2-8.1 mmol/l ], nessuna carenza di ferro ) se le tecniche di risparmio di sangue non sono disponibili o siano insufficienti quando un importante intervento chirurgico elettivo richiede un grande volume di sangue ( 4 o più unità di sangue per le donne o 5 o più unità per gli uomini ).

d) Pazienti adulti che non presentano carenza di ferro prima di un importante intervento chirurgico ortopedico elettivo con un elevato rischio percepito di complicanze da trasfusione, per ridurre l'esposizione a trasfusioni di sangue allogenico. L'uso deve essere limitato ai pazienti con anemia moderata ( ad esempio con range di concentrazione emoglobinica da 10 a 13 g/dl ) non-inclusi in un Programma di pre-donazione autologa e con previsione di perdita di sangue moderata ( da 900 a 1.800 ml ).

Le sindromi mielodisplastiche ( SMD ) sono un gruppo di malattie del sangue caratterizzate da un difetto nel midollo osseo che non riesce più a produrre le cellule del sangue in numero sufficiente. Il ridotto numero di cellule del sangue normali ( citopenie ) a lungo termine può causare dei sintomi, tra cui infezioni, anemia, sanguinamento spontaneo o facilità di formazione di ecchimosi.
Il corso naturale delle sindromi mielodisplastiche è molto variabile, con una sopravvivenza globale che varia da poche settimane a diversi anni.
Le sindromi mielodisplastiche sono principalmente riscontrabili negli anziani, con una età media alla diagnosi di 70 anni, ma possono colpire anche pazienti più giovani.
L'incidenza in Europa è di circa quattro casi per 100.000 persone all'anno, con una punta di 40-50 casi ogni 100.000 nei pazienti di età pari o superiore ai 70 anni.
Circa il 60-80% dei pazienti affetti da sindromi mielodisplastiche è soggetto ad anemia sintomatica, che può ridurre in modo significativo la qualità della vita e spesso necessita di ripetute trasfusioni di sangue. Il controllo dell'anemia e il miglioramento della qualità della vita sono gli obiettivi principali del trattamento per i pazienti con sindromi mielodisplastiche a rischio ridotto. Attualmente l'unica opzione di trattamento approvata sono le trasfusioni di sangue, che tuttavia portano al sovraccarico di ferro, che è associato a morbilità e mortalità significative. ( Xagena2017 )

Fonte: Janssen, 2017

Emo2017 Onco2017 Farma2017

Altri articoli