Rivascolarizzazione coronarica versus terapia medica in pazienti senza malattia coronarica sottoposti ad angiografia coronarica


Ad oggi, il beneficio terapeutico della rivascolarizzazione, rispetto alla terapia medica per gli individui stabili sottoposti ad angiografia coronarica invasiva in base ai risultati della angiografia coronarica con tomografia computerizzata ( CCTA ). non è stato esaminato.

Sono stati presi in esame 15.223 pazienti senza malattia coronarica sottoposti a CCTA presso otto Centri e sei Paesi, e sono stati seguiti per una media di 2.1 anni.

L’endpoint primario era la mortalità per qualsiasi causa.

La malattia coronarica ostruttiva secondo angiografia coronarica con tomografia computerizzata è stata definita come una stenosi del diametro luminale maggiore o uguale al 50% in una arteria coronaria maggiore.

I pazienti sono stati classificati come ad alto rischio di malattia coronarica versus pazienti non ad alto rischio di malattia coronarica, con i primi che includevano pazienti con almeno malattia coronarica ostruttiva di due vasi con coinvolgimento della arteria discendente anteriore prossimale sinistra, coronaropatia di tre vasi, e malattia coronarica principale di sinistra.

Il decesso si è verificato in 185 pazienti ( 1.2% ).

I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi di trattamento: rivascolarizzazione ( n=1.103, mortalità 2.2% ) e terapia medica ( n=14.120, mortalità 1.1% ).

In un modello basato sul propensy score ( indice C 0.92, chi-quadro=1.248, P minore di 0.0001 ), la malattia coronarica ostruttiva è risultato il fattore più influente di fare riferimento alla rivascolarizzazione, seguita da una interazione di coronaropatia ostruttiva con probabilità pre-test di malattia coronarica ( P=0.0344 ).

All'interno dei gruppi con coronaropatia in base a CCTA, i tassi di rivascolarizzazione sono aumentati da 3.8% per malattia coronarica non-ad-alto rischio a 51.2% per coronaropatia ad alto rischio.

Nei modelli multivariati, se confrontata con la terapia medica, la rivascolarizzazione è stata associata a un vantaggio di sopravvivenza per i pazienti con malattia coronarica ad alto rischio ( hazard ratio, HR=0.38 ), senza alcuna differenza nella sopravvivenza per i pazienti con malattia coronarica non-ad-alto rischio ( HR=3.24 ) ( P per interazione=0.03 ).

In conclusione, in un follow-up di medio termine, la rivascolarizzazione coronarica è risultata associata a un beneficio di sopravvivenza nei pazienti ad alto rischio di malattia coronarica in base ad angiografia coronarica con tomografia computerizzata, senza alcun beneficio apparente di rivascolarizzazione nei pazienti con forme minori di malattia coronarica. ( Xagena2012 )

Min JK et al, Eur Heart J 2012; 33: 3088-3097

Cardio2012


Altri articoli