L'associazione Nivolumab e Ipilimumab ha dimostrato attività nell'angiosarcoma


Uno studio di fase 2 ha mostrato che Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) presenta attività antitumorale contro l'angiosarcoma.

L'angiosarcoma è una malattia rara con ridotta sopravvivenza nel lungo periodo tra i pazienti che sviluppano metastasi.
I pattern di mutazione dell'angiosarcoma e le segnalazioni di casi suggeriscono che la malattia può rispondere agli inibitori del checkpoint immunitario.

Lo studio di fase 2 ha incluso 50 coorti di pazienti con tipi di cancro rari.

La presente analisi è della coorte 51, che ha riguardato 16 pazienti con angiosarcoma. I pazienti sono stati trattati con Nivolumab 240 mg ogni 2 settimane più Ipilimumab 1 mg/kg ogni 6 settimane.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva; gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la tossicità.

Al basale, l'età mediana dei pazienti era di 68 anni e il 38% dei pazienti era di sesso femminile. La sede principale della malattia comprendeva seno, estremità, viso / cuoio capelluto, fegato, cuore, milza e stomaco.
Il numero mediano di precedenti terapie era 2 con un range 0-5.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 25%, e si è verificato tra i pazienti con malattia cutanea del viso / cuoio capelluto e nei pazienti con angiosarcoma mammario associato a radiazioni.

La sopravvivenza senza progressione a 6 mesi è stata del 38%. La sopravvivenza globale mediana non è stata ancora raggiunta.

I risultati dei test molecolari erano valutabili per 8 pazienti. I pazienti che hanno risposto al trattamento presentavano un carico di mutazione tumorale [ TMB ] intermedio o elevato, e due terzi dei pazienti presentavano tumori con alta espressione di PD-L1.

Le tossicità di grado 3-4 si sono verificate nel 25% dei pazienti e hanno portato all'interruzione del trattamento nel 12.5%.
Non ci sono stati eventi di grado 5.
Tossicità immuno-mediate di grado da 3 a 4 si sono verificate nel 12.5% dei pazienti, con gli eventi più comuni rappresentati dall'innalzamento della alanina aminotransferasi [ ALT ] o aspartato aminotransferasi [ AST ] e diarrea.

Dallo studio è emerso che Ipilimumab e Nivolumab sono ben tollerati e sicuri nei pazienti con angiosarcoma.
Questi risultati giustificano uno studio più ampio in questa popolazione. ( Xagena2020 )

Fonte: Society for Immunotherapy of Cancer ( SITC ) Virtual Meeting, 2020

MalRar2020 Med2020 Onco2020 Farma2020

Altri articoli