Blocco della angiotensina nella malattia renale policistica autosomica dominante in fase tardiva


L’ipertensione si sviluppa precocemente nei pazienti con malattia renale policistica autosomica dominante ( ADPKD; rene policistico ) ed è associata a progressione della malattia.
Il sistema renina-angiotensina-aldosterone ( RAAS ) è implicato nella patogenesi della ipertensione nei pazienti con rene policistico. Un duplice blocco del sistema RAAS può aggirare meccanismi di compensazione che limitano l'efficacia della monoterapia con un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( Ace-inibitore ) o un bloccante il recettore dell’angiotensina II ( ARB; sartano ).

In uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, 486 pazienti di età compresa tra 18 e 64 anni, affetti da malattia renale policistica autosomica dominante ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ], da 25 a 60 ml per minuto per 1.73 m2 di superficie corporea ) sono stati randomizzati a ricevere un ACE inibitore ( Lisinopril [ Zestril ] ) e placebo oppure Lisinopril e un sartano ( Telmisartan [ Micardis ] ), con dosi regolate per raggiungere una pressione arteriosa di 110/70 fino a 130/80 mmHg.

L'endpoint primario composito era il tempo al decesso, la malattia renale allo stadio terminale, o una riduzione del 50% della eGFR basale.
Gli endpoint secondari includevano i tassi di variazione nella escrezione urinaria di aldosterone e di albumina, la frequenza dei ricoveri per qualsiasi causa e per cause cardiovascolari, l'incidenza del dolore, la frequenza dei sintomi correlati a rene policistico, la qualità di vita e gli effetti negativi del farmaco in studio.

I pazienti sono stati seguiti per 5 anni fino a 8.

Non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i gruppi di studio nella incidenza dell’esito composito primario ( hazard ratio con Lisinopril - Telmisartan, HR=1.08 ).

I due trattamenti hanno controllato la pressione sanguigna e hanno abbassato l’escrezione urinaria di aldosterone in modo simile.

I tassi di declino di GFR stimata, escrezione urinaria di albumina, e altri esiti secondari ed eventi avversi, tra cui iperkaliemia e danno renale acuto, sono risultati simili nei due gruppi.

In conclusione, la monoterapia con ACE-inibitori è risultata associata al controllo della pressione arteriosa nella maggior parte dei pazienti affetti da malattia renale policistica autosomica dominante e malattia renale cronica in fase 3.
L'aggiunta di un sartano non ha alterato il calo di eGFR. ( Xagena2014 )

Torres VE et al, N Engl J Med 2014;371:2267-2276

Nefro2014 Farma2014

Altri articoli