Indipendenza dell’effetto antipertensivo ed efficacia di LCZ696, un inibitore dei recettori della angiotensina-neprilisina, in pazienti con insufficienza cardiaca e con frazione di eiezione conservata


Il capostipite degli inibitori del recettore della angiotensina e della neprilisina, LCZ696, ha dimostrato di ridurre i livelli di NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ), di ridurre la dimensione dell’atrio sinistro e di migliorare la classe NYHA nei pazienti con scompenso cardiaco e con frazione di eiezione preservata ( HFpEF ).

I ricercatori hanno esaminato se gli effetti di LCZ696 fossero indipendenti dall’abbassamento della pressione arteriosa sistolica ( SBP ).

Nello studio PARAMOUNT ( Prospective comparison of ARNi [ angiotensin receptor neprilysin inhibitor ] with ARB [ angiotensin receptor blocker ] on Management Of heart failUre with preserved ejectioN fracTion ) 301 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a LCZ696 oppure a Valsartan.

E’stata esaminata la relazione tra l'abbassamento della pressione sanguigna sistolica e l’effetto di LCZ696 sul livello di NT-proBNP, sulla dimensione atriale, sulla classe NYHA e sulla velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ).

A 12 settimane la pressione arteriosa è stata ridotta di 9 mmHg / 5 mmHg nei pazienti che ricevevano LCZ696 rispetto 3 mmHg / 2 mmHg in quelli trattati con Valsartan.

Il cambiamento di NT-proBNP era scarsamente correlato con il cambiamento della pressione arteriosa sistolica ( LCZ696, r = 0.17, P = 0.06; Valsartan, r = 0.05, P = 0.58 ).
Dopo aggiustamento per il cambiamento della pressione sanguigna sistolica, il tasso di variazione di NT-proBNP a 12 settimane per LCZ696 versus Valsartan è stato pari a 0.76 ( 95% CI 0.63-0.93, p = 0.008 ), e simile al rapporto non-corretto per la pressione sanguigna sistolica ( 0.76, 95% CI 0.63-0.92, p = 0.006 ); P per l'interazione: 0.38 ).

Allo stesso modo, la riduzione nell’indice di volume atriale sinistro a 36 settimane, il miglioramento della classe NYHA e della velocità di filtrazione glomerulare stimata erano tutti indipendenti dalla variazione di pressione arteriosa sistolica.

In conclusione, nei pazienti con scompenso cardiaco e frazione d’eiezione preservata, l'effetto dell’inibitore del recettore della angiotensina neprilisina, LCZ696, sui livelli di NT-proBNP, sul volume atriale sinistro, sulla classe funzionale, e su eGFR era indipendente dalla riduzione della pressione sistolica. ( Xagena2014 )

Jhund PS et al, Eur J Heart Fail 2014; 16: 671-677

Cardio2014 Farma2014

Altri articoli