LCZ696, un inibitore del recettore dell'angiotensina e della neprilisina, diminuisce la troponina T ad alta sensibilità nello scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata


Elevati livelli di troponina T ad alta sensibilità sono associati a un aumento della gravità della malattia nei pazienti con insufficienza cardiaca stabile, con frazione di eiezione ridotta, ma poco è noto riguardo all'associazione tra scompenso cardiaco e frazione di eiezione preservata.

I ricercatori hanno esaminato la prevalenza di elevati livelli di troponina T ad alta sensibilità ( hs-TnT ) in 298 pazienti con insufficienza cardiaca e con frazione d'eiezione conservata, arruolati nello studio PARAMOUNT ( Prospective comparison of angiotensin receptor neprilysin inhibitor with angiotensin receptor blocker on Management Of heart failUre with preserved ejectioN fracTion ), in cui l’inibitore del recettore della angiotensina-neprilisina, LCZ696, ha ridotto i marcatori di gravità dell'insufficienza cardiaca rispetto al Valsartan.

È stata valutata l'associazione tra hs-TnT e la struttura e la funzione cardiaca, e l'effetto di LCZ696, rispetto al Valsartan, su hs-TnT nell’arco di 36 settimane.
Elevati livelli di hs-TnT nel range di danno miocardico ( valori superiori a 0.014 mcg/L ) sono stati trovati nel 55% dei pazienti ed erano associati all'età, alla storia di diabete mellito, a più alti valori di NT-pro-BNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ), più bassa velocità di filtrazione glomerulare stimata, e più grande dimensione dell’atrio sinistro, del volume e del ventricolo sinistro, e della massa cardiaca.

Il trattamento con LCZ696 ha ridotto i livelli di hs-TnT in misura maggiore a 12 settimane ( riduzione del 12%; p = 0.05 ) e a 36 settimane ( riduzione del 14%; P = 0.03 ), rispetto al Valsartan
.
In conclusione, i livelli di troponina T erano elevati in un numero considerevole di pazienti arruolati in uno studio clinico sullo scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata, ed erano associati ad anomalie della struttura cardiaca, della funzione, e a elevati livelli al basale di NT-proBNP.
La riduzione dei livelli di hs-TnT con LCZ696 in parallelo con il miglioramento dei livelli di NT-proBNP e della dimensione dell’atrio sinistro stanno ad indicare che l’inibitore del recettore dell'angiotensina e della neprilisina, LCZ696, può ridurre questa misura di danno miocardico nello scompenso cardiaco con frazione di eiezione preservata. ( Xagena2014 )

Jhund PS et al, Circ Heart Fail 2014; 7: 953-959

Cardio2014 Farma2014

Altri articoli