Effetto della terapia cognitivo-comportamentale via internet rispetto al faccia-a-faccia per l'ansia relativa alla salute


L'ansia per la salute è un problema di salute mentale comune e spesso cronico associato a disagio, costi sostanziali e presenza frequente in tutto il sistema sanitario.
La terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ) faccia-a-faccia è il criterio di trattamento standard, ma l'accesso è limitato.

È stata esaminata l'ipotesi secondo cui la terapia cognitivo-comportamentale fornita via internet, che richiede relativamente poche risorse, sia non-inferiore alla terapia cognitivo-comportamentale faccia-a-faccia nel trattamento dell'ansia per la salute.

È stato condotto uno studio clinico di non-inferiorità randomizzato con analisi economica sulla salute in una clinica di cure primarie che ha incluso pazienti con una diagnosi principale di ansia per la salute.
Il reclutamento è iniziato nel 2014 e l'ultimo trattamento è terminato nel 2017.
I dati di follow-up sono stati raccolti fino a 12 mesi dopo il trattamento.
L'analisi è iniziata nel 2017 e si è conclusa nel 2020.

I pazienti sono stati randomizzati a 12 settimane di terapia cognitivo-comportamentale via internet o a terapia cognitivo-comportamentale individuale faccia-a-faccia.

L’esito principale era un cambiamento nei sintomi di ansia per la salute dal basale alla settimana 12.
Le analisi sono state condotte da prospettive intent-to-treat ( ITT ) e per protocollo, utilizzando un margine di non-inferiorità di 2.25 punti sulla scala HAI ( Health Anxiety Inventory ), che ha un intervallo teorico da 0 a 54.

Complessivamente, 204 pazienti ( età media 39 anni; 143 donne, 70% ) hanno contribuito con 2.386 punti dati alla scala HAI durante il periodo di trattamento.
Su 204 pazienti, 102 ( 50% ) sono stati randomizzati alla terapia cognitivo-comportamentale fornita via internet e 102 ( 50% ) sono stati randomizzati alla terapia cognitivo-comportamentale faccia-a-faccia.

I limiti superiori dell'intervallo di confidenza al 95% unilaterale per la terapia cognitivo-comportamentale fornita via internet rispetto alla differenza di variazione della terapia cognitivo-comportamentale faccia-a-faccia rientravano nel margine di non-inferiorità nell'analisi intent-to-treat ( B=0.00; limite superiore: 1.98; d di Cohen=0.00; limite superiore: 0.23 ) e nell’analisi per protocollo ( B=0.01; limite superiore: 2.17; d di Cohen=0.00; limite superiore: 0.25 ).

L'effetto tra i gruppi non è stato moderato dal livello iniziale dei sintomi, dal percorso di reclutamento o dalla preferenza di trattamento del paziente.
I terapisti hanno impiegato 10.0 minuti per paziente alla settimana nel trattamento online rispetto a 45.6 minuti per la terapia cognitivo-comportamentale faccia-a-faccia.

Il costo sociale netto è stato inferiore nel trattamento online.

Non è stata rilevata alcuna differenza significativa tra i gruppi nel numero di eventi avversi, e non è stato segnalato alcun evento avverso grave.

In questo studio, la terapia cognitivo-comportamentale fornita via internet è sembrata essere non-inferiore alla terapia cognitivo-comportamentale faccia-a-faccia per l'ansia relativa alla salute, mentre ha avuto costi sociali netti inferiori.
Il trattamento online ha il potenziale per aumentare l'accesso al trattamento basato sull'evidenza per l'ansia sulla salute. ( Xagena2020 )

Axelsson E et al, JAMA Psychiatry 2020; 77: 915-924

Psyche2020 Med2020


Altri articoli