Prevalenza dei sintomi di ansia e depressione nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale


La malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) è una condizione permanente senza cura, i cui pazienti potrebbero manifestare sintomi di disturbi mentali comuni come ansia e depressione a causa della comunicazione bidirezionale attraverso l'asse intestino-cervello e della cronicità dei sintomi, e a causa della ridotta qualità di vita e del ridotto funzionamento sociale.
Permangono, tuttavia, incertezze sull'entità di questo problema.

È stata valutata la prevalenza dei sintomi di ansia o depressione nei pazienti adulti con malattia infiammatoria intestinale in una revisione sistematica e meta-analisi di studi osservazionali che hanno reclutato almeno 100 pazienti adulti con malattia infiammatoria intestinale, e che hanno riportato la prevalenza di sintomi di ansia o depressione secondo strumenti di screening validati.

Su 5.544 studi identificati, 77 soddisfacevano i criteri di ammissibilità, includendo 30.118 pazienti in totale.
Complessivamente, la prevalenza aggregata dei sintomi di ansia è stata del 32.1% in 58 studi ( I2=96.9% ) e la prevalenza aggregata dei sintomi di depressione è stata del 25.2% in 75 studi ( I2=97.6% ).

Negli studi che hanno riportato la prevalenza di ansia o depressione nei pazienti con malattia di Crohn e colite ulcerosa all'interno della stessa popolazione in studio, i pazienti con malattia di Crohn hanno avuto maggiori probabilità di avere sintomi di ansia ( odds ratio, OR=1.2 ) e sintomi di depressione ( OR=1.2 ) rispetto ai pazienti con colite ulcerosa.

Nel complesso, le donne con malattia infiammatoria intestinale hanno avuto maggiori probabilità di avere sintomi di ansia rispetto agli uomini con malattia infiammatoria intestinale ( prevalenza aggregata 33.8% per le donne vs 22.8% per gli uomini; OR=1.7 ).
Hanno avuto anche maggiori probabilità di avere sintomi di depressione rispetto agli uomini ( prevalenza aggregata 21.2% per le donne vs 16.2% per gli uomini; OR=1.3 ).

La prevalenza dei sintomi di ansia ( 57.6% ) o depressione ( 38.9% ) è stata più alta nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale attiva rispetto ai pazienti con malattia inattiva ( 38.1% per sintomi di ansia e 24.2% per sintomi di depressione; OR=2.5 per l'ansia e 3.1 per la depressione ).

C'è un'alta prevalenza di sintomi di ansia e depressione nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale, con fino a un terzo dei pazienti affetti da sintomi di ansia e un quarto affetto da sintomi di depressione.
La prevalenza è aumentata anche nei pazienti con malattia attiva: metà di questi pazienti ha soddisfatto i criteri per i sintomi di ansia e un terzo ha soddisfatto i criteri per i sintomi di depressione.
Incoraggiare i gastroenterologi a selezionare e trattare questi disturbi potrebbe migliorare gli esiti per i pazienti con malattia infiammatoria intestinale. ( Xagena2021 )

Barberio B et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2021; 6: 359-370

Gastro2021 Psyche2021


Altri articoli