Associazione tra emorragia intracerebrale nei pazienti che assumono anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K versus antagonisti della vitamina K e mortalità in ospedale


Sebbene gli antagonisti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ) siano sempre più utilizzati per prevenire la malattia tromboembolica, esistono dati limitati sull'emorragia intracerebrale ( ICH ) correlata ai NOAC.

È stata valutata l'associazione tra l'uso precedente di anticoagulanti orale ( Warfarin [ Coumadin ], NOAC e nessun anticoagulante orale [ OAC ] ) e la mortalità intraospedaliera tra i pazienti con emorragia intracerebrale in uno studio di coorte retrospettivo su 141.311 pazienti con emorragia intracerebrale ricoverati nel periodo 2013-2016 presso 1.662 ospedali del programma Get With The Guidelines-Stroke.

L’esposizione alla terapia anticoagulante prima della emorragia intracerebrale era definita come qualsiasi uso di anticoagulanti orali entro 7 giorni prima dell'arrivo in ospedale e l’esito principale era la mortalità intraospedaliera.

Su 141.311 pazienti con emorragia intracerebrale ( età media 68.3 anni; 48.1% donne ), 15.036 ( 10.6% ) stavano assumendo Warfarin e 4.918 ( 3.5% ) stavano assumendo NOAC prima dell' emorragia intracerebrale e 39.585 ( 28.0% ) e 5.783 ( 4.1% ) stavano assumendo rispettivamente concomitanti agenti antiaggreganti singoli e doppi.

I pazienti con precedente uso di Warfarin o NOAC erano più anziani e avevano una più alta prevalenza di fibrillazione atriale e di ictus precedente.

La gravità dell'ictus da emorragia intracerebrale acuta ( misurata dalla scala NIHSS [ National Institutes of Health Stroke Scale ] ) non era significativamente differente tra i 3 gruppi ( mediana, 9 per Warfarin, 8 per NOAC e 8 senza OAC ).

I tassi di mortalità in ospedale non-aggiustati erano del 32.6% per Warfarin, del 26.5% per NOAC e del 22.5% per OAC.

Rispetto ai pazienti senza uso precedente di anticoagulanti orali, il rischio di mortalità intraospedaliera è stato più alto tra i pazienti con precedente uso di Warfarin ( differenza di rischio aggiustata ARD, 9.0%, odds ratio aggiustato AOR, 1.62 ), e più alto tra i pazienti con uso precedente di NOAC ( ARD, 3.3%; AOR, 1.21 ).

Rispetto ai pazienti con precedente uso di Warfarin, i pazienti con precedente uso di NOAC presentavano un rischio inferiore di mortalità ospedaliera ( ARD, -5.7%; AOR 0.75 ).

La differenza di mortalità tra i pazienti trattati con NOAC e i pazienti trattati con Warfarin è stata numericamente maggiore tra i pazienti con precedente uso di agenti antiaggreganti doppi ( 32.7% vs 47.1%; ARD, -15.0%; AOR, 0.50 ) rispetto a quelli che assumevano questi agenti senza precedente terapia antipiastrinica ( 26.4% vs 31.7%, ARD, -5.0%; AOR, 0.77 ), sebbene il valore di interazione P ( 0.07 ) non fosse statisticamente significativo.

In conclusione, tra i pazienti con emorragia intracerebrale, l'uso precedente di anticoagumanti orali non-Vitamina K o Warfarin è stato associato a una mortalità ospedaliera più alta rispetto a nessun anticoagulante orale.
L'uso precedente di NOAC, rispetto all'uso precedente di Warfarin, è risultato associato a un minore rischio di mortalità intraospedaliera. ( Xagena2018 )

Inohara T et al, JAMA 2018; 319: 463-473

Neuro2018 Farma2018

Altri articoli