Alta prevalenza di anticorpi neutralizzanti dopo terapia con neurotossina botulinica a lungo termine


È stata studiata la prevalenza di anticorpi neutralizzanti ( NAb ) contro la neurotossina botulinica di tipo A ( BoNT/A ) durante il trattamento a lungo termine con BoNT/A in diverse indicazioni neurologiche.

In uno studio monocentrico, osservazionale, trasversale, 596 pazienti trattati con BoNT/A per diverse indicazioni sono stati testati per anticorpi leganti BoNT/A mediante test ELISA.
Campioni positivi sono stati studiati per anticorpi neutralizzanti con il test dell'emidiaframma di ratto.
La prevalenza di anticorpi neutralizzanti è stata analizzata per diverse indicazioni: emispasmo facciale, blefarospasmo, distonia cervicale, altra distonia e spasticità.

Complessivamente, 83 pazienti su 596 ( 13.9% ) presentavano anticorpi neutralizzanti misurabili.
La probabilità di sviluppare anticorpi neutralizzanti è aumentata con la dose singola e cumulativa di trattamento ed è stata influenzata dalla formulazione BoNT/A, mentre tutti gli altri fattori analizzati, inclusa l'entità della malattia e la durata del trattamento, non hanno avuto ulteriore influenza.

Questo è il più grande studio fino ad oggi compiuto sulla prevalenza di anticorpi neutralizzanti contro BoNT/A in una grande coorte di pazienti comprendente le indicazioni neurologiche rilevanti.
Iniezioni ripetute di BoNT/A sono associate al rischio di sviluppare anticorpi neutralizzanti. Tuttavia, oltre a evitare le iniezioni booster e fornire brevi intervalli tra le iniezioni, la riduzione delle singole dosi iniettate può ridurre il rischio di induzione di anticorpi neutralizzanti indipendentemente dall'indicazione per la quale viene utilizzata BoNT/A. ( Xagena2019 )

Albrecht P et al, Neurology 2019; 92: e48-e54

Neuro2019 Farma2019

Altri articoli