Effetti delle statine sullo sviluppo della trombosi nei pazienti con lupus eritematoso sistemico e anticorpi antifosfolipidi


Sono stati identificati gli effetti delle statine e dei fattori di rischio per la trombosi nei pazienti con nuova insorgenza di lupus eritematoso sistemico ( SLE ) con o senza anticorpi antifosfolipidi ( aPL ).
I pazienti consecutivi con lupus eritematoso sistemico senza storia di eventi trombotici sono stati arruolati in modo retrospettivo nel periodo 1997-2014.

Lo sviluppo della prima trombosi e morte per trombosi è stato definito come l'endpoint dello studio.
Sono stati analizzati i fattori di rischio e protettivi per lo sviluppo della trombosi.
Sono stati inclusi in totale 152 pazienti, 80 positivi e 72 negativi per aPL.
Tra i pazienti positivi per gli anticorpi antifosfolipidi, 15 hanno sviluppato trombosi arteriosa ( n=6 ) e venosa ( n=9 ) ( periodo di follow-up mediano di 69 mesi ).

L'età avanzata all'esordio del lupus eritematoso sistemico e gli anticorpi anticardiolipina IgG ( aCL ) erano rischi statisticamente significativi per la trombosi.

La terapia con statine è stata identificata come un fattore protettivo statisticamente significativo contro la trombosi ( hazard ratio, HR=0.12 ).

Tra i pazienti aPL-negativi ( periodo di follow-up mediano di 46 mesi ), 7 pazienti hanno sviluppato trombosi ( 5 arteriosa e 2 venosa ).
Nessun fattore di rischio per la trombosi è stato trovato in questo gruppo.

Nei pazienti aPL-positivi con lupus eritematoso sistemico, l'insorgenza tardiva della malattia e la presenza di IgG-aCL hanno rappresentato fattori di rischio aggiuntivi per la trombosi.
Il trattamento con statine è apparso essere un fattore protettivo per la trombosi. ( Xagena2018 )

Watanabe T et al, Lupus 2018; 27: 225-234

Reuma2018 Cardio2018 Farma2018

Altri articoli