Gli Acidi grassi polinsaturi Omega-3 non riducono il rischio di morte improvvisa e di aritmie ventricolari cardiache


Gli Acidi grassi polinsaturi Omega-3 ( PUFA ) hanno dimostrato di avere proprietà antiaritmiche. Tuttavia, gli studi randomizzati hanno mostrato risultati inconsistenti. È stato analizzato l'effetto dei PUFA Omega-3 sulla prevenzione delle aritmie ventricolari potenzialmente fatali e della morte cardiaca improvvisa.

Sono stati inclusi in questo studio gli studi randomizzati che hanno confrontato i PUFA Omega-3 con il placebo e che hanno riportato gli eventi di morte cardiaca improvvisa o di primo impianto di defibrillatore cardioverter ( ICD ) per tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare.

Sono stati inclusi in totale 32.919 pazienti che hanno preso parte a 9 studi; 16.465 pazienti hanno ricevuto PUFA Omega-3 e 16.454 hanno ricevuto placebo.
Quando sono stati confrontati i PUFA Omega-3 al placebo, si è rilevata una riduzione non-significativa del rischio di morte cardiaca improvvisa o di aritmie ventricolari ( odds ratio, OR=0.82, P=0.21, I2=49.7% ).

In conclusione, la supplementazione dietetica con PUFA Omega-3 non influisce sul rischio di morte cardiaca improvvisa o di aritmie ventricolari. ( Xagena2013 )

Khoueury G et al, Heart Lung 2013; 42: 251-256

Cardio2013 Farma2013

Altri articoli

COVID-19 e aritmie cardiache

La fibrillazione atriale incidente, la bradicardia clinicamente significativa e la tachicardia ventricolare non-sostenuta non sono state associate alla mortalità nei... ... leggi

Aritmie cardiache

Che cosa sono Le alterazioni della normale sequenza dei battiti cardiaci vengono dette aritmie. Quando si osserva un... ... leggi