Il Valsartan a differenza dell’Atenololo migliora il comportamento sessuale nelle donne in postmenopausa, ipertese


Ricercatori del Dipartimento di Medicina Interna dell’Università di Pavia hanno valutato l’effetto del betabloccante Atenololo e dell’antagonista del recettore dell’angiotensina II sul comportamento sessuale delle donne in postmenopausa, ipertese.

Hanno preso parte allo studio 120 donne in postmenopausa, di età compresa tra 51 e 55 anni, con ipertensione lieve–moderata ( pressione diastolica: >/ = 95 e
Dopo un periodo di 4 settimane con placebo, le pazienti sono state assegnate in modo random al trattamento con Valsartan 80 mg ( n = 60 ) o Atenololo 50 mg ( n = 60 ), una volta al giorno per 16 settimane.

Dopo 4 settimane di trattamento, ai pazienti non responder ( pressione diastolica > 90 mmHg ) era somministrata una doppia dose di ciascun farmaco.

Non sono state osservate differenze di efficacia tra i due trattamenti.

Nel gruppo Valsartan, i punteggi di 3 item correlati alla libido sono migliorati in modo significativo, mentre nel gruppo Atenololo 2 item ( desiderio sessuale, fantasie sessuali ) sono peggiorati.

Questo studio ha mostrato che nelle donne in postmenopausa, ipertese, sessualmente attive, il trattamento con Valsartan ha prodotto un miglioramento del comportamento sessuale, mentre l’Atenololo l’ha peggiorato. ( Xagena2004 )

Fogari R et al, Am J Hypertens 2004; 17: 77-81



Cardio2004 Farma2004

Altri articoli