Nessuna influenza clinica della presenza di autoanticorpi antimitocondriali nell’epatite autoimmune


Studi hanno dimostrato che gli autoanticorpi antimitocondriali ( AMA ) sono occasionalmente identificati nei sieri dei pazienti con epatite autoimmune.

Ricercatori della Kyorin University di Tokio, in Giappone, hanno valutato se la presenza di autoanticorpi antimitocondriali fosse associata a caratteristiche cliniche, soprattutto la presenza di lesioni del dotto biliare, nei pazienti con epatite autoimmune.

Lo studio ha riguardato 41 pazienti.

Gli autoanticorpi antimitocondriali sono stati riscontrati nel 34% della popolazione in esame ( 14/41 ).

Le lesioni del dotto biliare sono state riscontrate nel 100% dei soggetti AMA-positivi e nell’85% degli AMA-negativi.

Non è stata evidenziata nessuna differenza statisticamente significativa nel grado di infiammazione e nello stadio della fibrosi tra i due gruppi.

Lo studio ha mostrato che gli autoanticorpi antimitocondriali sono presenti nei sieri dei pazienti con epatite autoimmune più frequentemente di quanto atteso, anche a concentrazioni molto basse, senza tuttavia avere influenza sulla malattia.( Xagena2006 )

Nezu S et al, J Gastroenterol Hepatol 2006; 21: 1448-1454



Gastro2006


Altri articoli