Azatioprina e 6-Mercaptopurina nella prevenzione della recidiva postoperatoria nella malattia di Crohn


Ricercatori del Centre Hospitalier Universitaire de Lille, in Francia, hanno condotto una revisione della letteratura per valutare l'efficacia e la sicurezza di analoghi della purina [ Azatioprina ( Imuran ), 6-Mercaptopurina ( 6-MP; Purinethol ) ) nella prevenzione della recidiva post-operatoria della malattia di Crohn.

Gli endpoint primari erano le recidive cliniche ed endoscopiche a 1 e 2 anni, e la sicurezza.

Sono stati identificati 4 studi controllati che hanno coinvolto 433 pazienti e hanno confrontato Azatioprina ( n=3 ) o 6-Mercaptopurina ( n=1 ) con bracci controllo ( placebo con o senza terapia di induzione antibiotica o Mesalamina ).

Nell'analisi generale, gli analoghi della purina sono risultati più efficaci dei bracci controllo nella prevenzione della recidiva clinica a 1 anno ( P=0.021, number needed to treat, NNT=13 ) e a 2 anni ( P=0.018, NNT=8 ).

Nell'analisi di sensibilità, l'efficacia degli analoghi della purina è risultata superiore rispetto a quella del placebo per la prevenzione della recidiva clinica ed endoscopica a 1 anno ( P=0.025, NNT=7 e P=0.0016, NNT=4, rispettivamente ).

A 1 anno, nell'analisi generale, gli analoghi della purina sono risultati più efficaci dei bracci controllo nel prevenire ricorrenza endoscopica grave ( i2-4 ) ( P=0.026, NNT=7 ), ma non nella prevenzione di quella molto grave.

Il tasso di eventi avversi che ha portato all'interruzione del trattamento è risultato più elevato nei pazienti trattati con tiopurina rispetto ai bracci controllo ( 17.2 vs 9.8%, rispettivamente, P=0.021 ).

In conclusione, gli analoghi della purina sono più efficaci del placebo nel prevenire la recidiva sia clinica sia endoscopica nella malattia di Crohn, ma sono associati a un più elevato tasso di eventi avversi con abbandono del trattamento. ( Xagena2009 )

Peyrin-Biroulet L et al, Am J Gastroenterol 2009; 104: 2089-2096


Gastro2009 Farma2009

Altri articoli