Carcinoma uroteliale della vescica, metastatico: MPDL3280A, un anti-PD-L1, riduce le dimensioni del tumore nel 43% dei pazienti


Sono stati presentati i risultati di uno studio di fase I in aperto che ha dimostrato che l’ immunoterapico sperimentale MPDL3280A ( anti-PD-L1 ) ha ridotto le dimensioni dei tumori ( tasso di risposta globale; ORR ) nel 43% ( 13/30 ) delle persone precedentemente trattate per carcinoma uroteliale della vescica in fase metastatica, i cui tumori erano positivi per PD-L1 ( ligando 1 della morte programmata ) a un test in fase di sviluppo da parte di Roche.
Gli eventi avversi sono stati in linea con ciò che era stato in precedenza segnalato per MPDL3280A.
Non sono stati riscontrati eventi avversi gravi ( grado 4-5 ) correlati al trattamento.

L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha concesso a MPDL3280A la designazione di Breakthrough Therapy ( terapia fortemente innovativa ).
Questa designazione permette di accelerare lo sviluppo e la revisione dei farmaci destinati a curare gravi malattie.

La studio di fase I è a braccio singolo, multicentrico, in aperto, con una coorte di 68 persone con cancro della vescica metastatico, precedentemente trattato.
Lo studio ha incluso 30 pazienti che presentavano positività per PD-L1, utilizzando un test diagnostico sperimentale sviluppato da Roche.

Dopo sei settimane di follow-up, il tasso di risposta obiettiva, misurato mediante i criteri RECIST, è stato pari al 43% ( 13/30 ), e dopo 12 settimane, ORR è stato del 52% ( 13/25 ) nelle persone con tumori positivi per PD-L1.
Una risposta completa ( nessuna evidenza radiografica di tumore ) è stata osservata nel 7% dei pazienti positivi per PD-L1 ( 2/30 ).
L'ORR è stato dell'11% ( 4/35 ) tra le persone i cui tumori risultavano essere PD-L1-negativi al test sperimentale.
I pazienti nello studio hanno presentato un tempo mediano alla risposta di 42 giorni.

Effetti avversi di grado 3, correlati al trattamento, si sono verificati nel 4% ( 3/68 ) delle persone in studio, e hanno compreso: debolezza ( astenia, 2% ), bassa conta piastrinica ( trombocitopenia, 2% ) e riduzione del fosforo nel sangue ( ipofosfatemia; 2% ).
Le reazioni avverse più comuni che si sono verificate in più del 5% dei pazienti, sono state: diminuzione dell'appetito ( 12% ), affaticamento ( 12% ), nausea ( 12% ), febbre ( piressia, 9% ) e debolezza ( astenia, 7% ).

MPDL3280A è un anticorpo monoclonale sperimentale progettato per interferire con una proteina chiamata PD-L1, impedendole di legarsi a PD-1 e B7.1 sulla superficie delle cellule T.
Inibendo PD-L1, MPDL3280A può consentire l'attivazione delle cellule T, ripristinando la loro capacità di rilevare e di attaccare in modo efficiente le cellule tumorali.

Il cancro uroteliale alla vescica, metastatico, è associato a una prognosi infausta e a limitate opzioni di trattamento.
Il cancro della vescica è il nono tumore più comune a livello mondiale, con 430.000 nuovi casi diagnosticati nel 2012, e circa 145.000 decessi annuali.
Gli uomini hanno una probabilità tre volte maggiore di soffrire di cancro alla vescica rispetto alle donne; inoltre il tumore è tre volte più comune nei Paesi sviluppati che nei Paesi meno sviluppati. ( Xagena2014 )

Fonte: Roche, 2014

Onco2014 Uro2014 Farma2014

Altri articoli