Esito di intervento coronarico percutaneo utilizzando stent medicati nei pazienti con ridotta frazione di eiezione ventricolare sinistra


La cardiomiopatia ischemica con depressa frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) è predittiva di morte dopo intervento coronarico percutaneo, ma la sua associazione con la trombosi dello stent e la necessità di rivascolarizzazione ripetuta è meno chiaramente definita.

In totale, sono stati valutati, in modo retrospettivo, 5.377 pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo.

L'endpoint primario era rappresentato dagli eventi cardiaci avversi maggiori a 1 anno ( morte per tutte le cause, infarto miocardico con onda Q, trombosi dello stent e rivascolarizzazione della lesione bersaglio ).

Sono stati valutati gli endpoint finali individuali di trombosi dello stent e rivascolarizzazione della lesione bersaglio.

I pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra normale ( maggiore del 50% ) sono stati confrontati con quelli con cali lievi ( dal 41 al 50% ), moderati ( dal 25 al 40% ) e marcati ( inferiore al 25% ) della frazione di eiezione ventricolare sinistra.

I pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra anormale erano più anziani e più comunemente affetti da diabete mellito e avevano insufficienza renale e sindrome da scompenso cardiaco ( p minore di 0.001 per tutte le variabili ).

Questi pazienti hanno dimostrato più lesioni angiograficamente complesse, e meno frequentemente hanno ricevuto uno stent a rilascio di farmaco.

L'endpoint primario è risultato significativamente aumentato nei pazienti con più bassa frazione di eiezione ventricolare sinistra ( 9.7% per FEVS normale vs 20.6% per FEVS marcatamente diminuita, p minore di 0.001 ).

La trombosi dello stent si è verificata più frequentemente in questi pazienti ( 1.4% per FEVS normale vs 6% per FEVS con marcata riduzione, p minore di 0.001 ), ma la rivascolarizzazione della lesione bersaglio, clinicamente guidata, non ha subito modifiche sostanziali tra le categorie di frazione di eiezione del ventricolo sinistro.

Dopo la regolazione, solo riduzioni moderate e gravi della frazione di eiezione ventricolare sinistra ( ad esempio, FEVS minore o uguale al 40% ) hanno dimostrato una associazione con eventi avversi cardiaci maggiori e con l’esito individuale di trombosi dello stent.

L'analisi per sottogruppi dei pazienti trattati con solo uno stent a rilascio di farmaco o uno stent di metallo nudo non ha evidenziato differenze statisticamente significative per la probabilità di trombosi dello stent.

In conclusione, la diminuzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra non è risultata associata alla rivascolarizzazione della lesione bersaglio clinicamente guidata ma all’aumento del rischio di trombosi dello stent.

I pazienti con frazione di eiezione del ventricolo sinistro minore o uguale al 40% sembrano essere a rischio significativamente più alto di trombosi dello stent e quindi potrebbero beneficiare delle strategie interventistiche e farmacologiche volte a ridurre al minimo questo rischio. ( Xagena2012 )

Sardi GL et al, Am J Cardiol 2012; 109: 344-351


Cardio2012


Altri articoli