Il pacing biventricolare conserva la frazione di eiezione ventricolare sinistra e il volume telesistolico del ventricolo sinistro a 2 anni


I risultati di 2 anni di follow-up dello studio PACE ( Pacing to Avoid Cardiac Enlargement ) hanno mostrato che il pacing ventricolare destro apicale risulta in un rimodellamento avverso del ventricolo sinistro e nel deterioramento della funzione sistolica, mentre il pacing biventricolare protegge dagli effetti avversi osservati con il pacing ventricolare destro apicale.

Le riduzioni della frazione d'eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) e del volume telesistolico del ventricolo sinistro ( VTSVS ) con pacing ventricolare destro apicale sono risultate maggiori nel primo anno, ma hanno continuato a peggiorare in modo significativo durante il secondo anno.

I dati a 1 anno di follow-up dello studio PACE avevano dimostrato che la stimolazione biventricolare è superiore alla stimolazione ventricolare destra apicale nella prevenzione del rimodellamento ventricolare sinistro avverso e del deterioramento della funzione sistolica. A 1 anno, la differenza assoluta a favore della stimolazione biventricolare per preservare la FEVS. rispetto alla stimolazione ventricolare destra apicale è stata del 7%, e la differenza assoluta nel VTSVS, ancora a favore della stimolazione biventricolare, è stata pari a 8.1 mL.

Cheuk-Man Yu del Chinese University of Hong Kong in Cina e colleghi hanno presentato i dati di 2 anni di follow-up su 88 pazienti che erano stati randomizzati al gruppo stimolazione ventricolare destra apicale, e su 82 al gruppo stimolazione biventricolare.

Al basale, tutti i pazienti avevano bradicardia con FEVS conservata, definita come una frazione di eiezione del 45% o superiore.
Gli endpoint primari erano FEVS e VTSVS; gli endpoint secondari comprendevano: test del cammino di 6 minuti e qualità di vita ( QoL ) valutata mediante il questionario HSQ SF-36 ( Short Form-36 Health Survey Questionnaire ).

E’ stata osservata un’ulteriore diminuzione della FEVS nel secondo anno tra i pazienti con stimolazione ventricolare destra apicale, mentre la frazione d’eiezione ventricolare sinistra è rimasta invariata nel gruppo stimolazione biventricolare.
Una tendenza simile è stata riscontrata nel volume telesistolico del ventricolo sinistro nel corso di 1 e 2 anni di follow-up, con una differenza assoluta di 7.3 ml in più nel gruppo stimolazione ventricolare destra apicale al primo anno, e di 13 mL in più al secondo anno.

Tuttavia, non vi erano differenze significative tra i gruppi riguardo alla qualità di vita o al test del cammino di 6 minuti.

La dimensione del campione era relativamente piccola e lo studio PACE non era dimensionato per rilevare differenze negli eventi clinici; invece, adeguatamente dimensionato per rilevare differenze significative nella frazione d’eiezione ventricolare sinistra e nel volume del ventricolo sinistro tra i due bracci di stimolazione. ( Xagena2011 )

Fonte: European Society of Cardiology ( ESC ) Congress, 2011


Cardio2011

Altri articoli