Profilassi con defibrillatore cardioverter impiantabile e sopravvivenza nei pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra del 30-35%


Studi clinici sulla profilassi con defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) hanno incluso una minoranza di pazienti con una frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) tra il 30% e il 35%.
Poiché negli Stati Uniti un gran numero di ICD vengono impiantati in tali pazienti, è importante studiare la sopravvivenza associata con questa terapia.

Sono stati caratterizzati i pazienti con frazione di eiezione ventricolare sinistra tra il 30% e il 35% ed è stata confrontata la sopravvivenza tra i soggetti con e senza ICD mediante uno studio di coorte retrospettivo dei pazienti Medicare nel National Cardiovascular Data Registry ICD registry ( 2006-2007 ) con una FEVS tra il 30% e il 35% che hanno ricevuto un ICD durante un ricovero per insufficienza cardiaca, e pazienti simili nel database GWTG-HF ( Get With The Guidelines-Heart Failure, 2005-2009 ) senza ICD.

L'analisi è stata ripetuta in pazienti con FEVS inferiore al 30%.
Sono stati contati 3.120 pazienti con FEVS tra il 30% e il 35% ( 816 in coorti abbinate ) e 4.578 con FEVS inferiore al 30% ( 2.176 in coorti abbinate ).

L'esito primario era la mortalità per tutte le cause.

Non ci sono state differenze significative nelle caratteristiche basali dei gruppi abbinati ( n=408 per entrambi i gruppi ).

Tra i pazienti con una FEVS tra il 30% e il 35%, ci sono stati 248 decessi nel gruppo ICD Registry, all'interno di un follow-up medio di 4.4 anni e 249 decessi nel gruppo GWTG HF, all'interno di un follow-up medio di 2.9 anni.

Il rischio di mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con FEVS 30-35% e ICD è risultato significativamente inferiore a quello nei pazienti abbinati senza ICD ( tassi di mortalità a 3 anni: 51.4% vs 55.0%, hazard ratio, HR=0.83, P=0.04 ).

La presenza di ICD è stata anche associata a una migliore sopravvivenza nei pazienti con FEVS minore del 30% ( tassi di mortalità a 3 anni: 45.0% vs 57.6%, 634 e 660 decessi totali; HR=0.72, P minore di 0.001 ) ( P=0.20 per l'interazione ).

In conclusione, tra i beneficiari di Medicare ricoverati per insufficienza cardiaca e con una FEVS compresa tra il 30% e il 35% e inferiore del 30%, la sopravvivenza a 3 anni è stata migliore nei pazienti che hanno ricevuto il defibrillatore cardioverter impiantabile di profilassi rispetto ai pazienti comparabili senza ICD.
Questi risultati supportano le raccomandazioni delle linee guida che consigliano di impiantare ICD di profilassi nei pazienti eleggibili con una FEVS del 35% o valore inferiore. ( Xagena2014 )

Al-Khatib SM et al, JAMA 2014; 311: 2209-2215

Cardio2014


Altri articoli