Patritumab deruxtecan ha dimostrato attività antitumorale nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule con mutazione di EGFR


I risultati di uno studio di fase 1 hanno mostrato che Patritumab deruxtecan ha indotto un tasso di risposta globale del 39% tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato, con mutazione in EGFR.

Gli inibitori di EGFR sono lo standard di cura per i pazienti con tumore NSCLC avanzato con mutazione di EGFR.
Tuttavia, la resistenza si sviluppa inevitabilmente e i meccanismi di resistenza sono diversi.
Sono pertanto necessari nuovi approcci terapeutici.
HER3 è un membro della famiglia delle proteine EGFR che è espressa sulla stragrande maggioranza dei tumori EGFR-mutanti e non è noto per essere un meccanismo di resistenza agli inibitori di EGFR.
Patritumab deruxtecan è un coniugato anticorpo-farmaco diretto contro HER3 che è in fase di sperimentazione su pazienti con mutazione di EGFR che hanno sviluppato resistenza agli inibitori di EGFR.

Patritumab deruxtecan ha indotto un tasso di risposta globale del 39% tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato, EGFR-mutato.

Il farmaco è costituito da un anticorpo monoclonale completamente umano contro HER3 che è attaccato attraverso un linker scindibile a base di tetrapeptide all'inibitore della topoisomerasi I.

Nell'ambito di uno studio di fase 1 di aumento / espansione della dose, è stata valutata la sicurezza e l'efficacia di Patritumab deruxtecan alla dose di 5.6 mg/kg per via endovenosa una volta ogni 3 settimane in 57 pazienti ( età media, 65 anni; 63% donne ) con tumore NSCLC avanzato con mutazione di EGFR.
I pazienti hanno ricevuto una mediana di quattro linee precedenti di terapia sistemica ( intervallo 1-9 ), incluso un inibitore della tirosin-chinasi EGFR, e la maggior parte ( 91% ) aveva ricevuto una precedente chemioterapia a base di Platino.
Quasi la metà ( 47% ) aveva una storia di metastasi cerebrali.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) confermato da una revisione centrale indipendente in cieco secondo RECIST versione 1.1 è servito come endpoint primario.
La durata della risposta ( DoR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sicurezza rappresentavano endpoint secondari.

Il follow-up mediano è stato di 10.2 mesi e la durata media del trattamento è stata di 5.5 mesi.
Al momento del cutoff dei dati del 24 settembre 2020, il 32% dei pazienti era ancora in trattamento.

I risultati hanno mostrato un tasso ORR del 39% ( IC 95%, 26-52 ) tra la popolazione complessiva dello studio, 37% ( IC 95%, 23.6-51 ) tra i pazienti che avevano precedentemente ricevuto chemioterapia a base di Platino e 39% ( IC 95% CI, 24 -55 ) tra i pazienti che hanno ricevuto in precedenza la chemioterapia a base di Platino e l'inibitore della tirosin-chinasi di EGFR Osimertinib.

La durata mediana della risposta nella coorte complessiva è stata di 6.9 mesi ( IC 95%, 3.1 - non-raggiunto ) e la sopravvivenza PFS mediana è stata di 8.2 mesi ( IC 95%, 4.4-8.3 ).

Un confronto tra pazienti con e senza una storia di metastasi cerebrali ha mostrato risultati simili tra i due gruppi ( ORR, 32% vs 42%; PFS mediana, 8.2 vs 8.3 mesi ).

Gli eventi avversi comuni di grado 3 o superiore sono apparsi coerenti con le osservazioni precedenti e hanno incluso: trombocitopenia ( 30% ), neutropenia ( 19% ) e affaticamento ( 14% ).
Quattro pazienti hanno manifestato malattia polmonare interstiziale correlata al trattamento per valutazione centrale e 6 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

Patritumab deruxtecan è risultato efficace in questa popolazione di pazienti. Come previsto dal meccanismo, le risposte sono state osservate nei pazienti indipendentemente dal meccanismo specifico di resistenza agli inibitori di EGFR.
L'attività è stata osservata attraverso diversi livelli di espressione di HER3, sebbene vi fosse un indizio di una risposta più elevata nei pazienti i cui tumori che esprimevano livelli più elevati di HER3.
Data l'ampia gamma di attività di Patritumab deruxtecan attraverso i meccanismi di resistenza a inibitori della tirosin-chinasi EGFR, Patritumab deruxtecan può offrire una nuova strategia agnostica del meccanismo di resistenza a inibitori della tirosin-chinasi EGFR per il trattamento dei tumori resistenti ai farmaci. ( Xagena2021 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2021

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021

Altri articoli